Evolute Institute

Lavoro psichedelico con le ombre: Il nostro viaggio verso la completezza

Indice dei contenuti

Tra le molteplici vie di accesso alla psiche umana, esiste un sentiero meno battuto, un viaggio che intreccia i misteriosi regni degli psichedelici e le profondità del lavoro con le ombre. Ma cosa succede quando la pratica introspettiva del lavoro con le ombre incontra gli psichedelici? Queste sostanze, spesso avvolte da intrighi e controversie, possono aiutarci a illuminare gli angoli più nascosti del nostro essere?

1. Introduzione al Lavoro con le ombre assistito da psichedelici 

Gli psichedelici, un gruppo di sostanze note per la loro capacità di alterare profondamente la percezione e la coscienza, hanno danzato nella storia dell'umanità, dai rituali sacri alle moderne sale di terapia. Ci invitano a esplorare oltre i confini abituali della nostra mente, offrendoci scorci in regni di straordinaria comprensione.

Il lavoro con le ombre ci invita a scavare negli aspetti più oscuri e spesso trascurati di noi stessi. È un'esplorazione dei territori inesplorati della nostra psiche, delle parti di noi che abbiamo esiliato, consciamente o inconsciamente, nelle "ombre", delle parti che sono state soppresse (allontanate dalla consapevolezza) o rinnegate ("Questo non sono io. Altri sono così, ma non io"). Questi frammenti nascosti, spesso carichi di emozioni come la paura, la vergogna e il dolore non elaborato, contengono le chiavi per la nostra guarigione e crescita psicologica più profonda.

Trovandoci alla soglia di questa intersezione, ci si potrebbe chiedere: gli stati di alterazione indotti dagli psichedelici possono fornire il catalizzatore necessario per abbracciare e integrare le nostre parti ombra? Questa miscela sinergica potrebbe racchiudere il potenziale per un livello di autoconsapevolezza e liberazione che trascende i percorsi tradizionali di crescita personale? 

In questa esplorazione, ti invitiamo a compiere un viaggio per comprendere l'essenza dell'ombra, per scoprire il potenziale degli psichedelici e per discutere di come la loro unione possa condurci verso una vita più autentica, armoniosa e consapevole. Non si tratta di una semplice indagine accademica, ma di una chiamata all'avventura: un'avventura nelle profondità del nostro io, dove i tesori del nostro mondo interiore attendono di essere scoperti. Una chiamata che ci invita a fare domande, a cercare e ad aprirci alle profonde possibilità che si presentano quando ci apriamo e ascoltiamo profondamente.

1.1 Svelare l'ombra: il contributo fondamentale di Carl Jung

Carl Jung Schizzo in bianco e neroMentre ci avventuriamo ulteriormente nei regni dell'autoesplorazione, volgiamo lo sguardo verso i profondi contributi di Carl Gustav Jung (* 1875); 1961), un pioniere il cui lavoro ha illuminato i misteriosi corridoi della psiche umana. Jung, psichiatra svizzero, ha introdotto al mondo il concetto di ombra, un termine che evoca immagini di vicoli nascosti e territori inesplorati all'interno della nostra mente. Ma cos'è esattamente l'ombra e perché Jung dava tanta importanza alla sua comprensione?

L'ombra, secondo Jung, è una parte fondamentale della nostra mente inconscia. È come una stanza nascosta nel vasto palazzo della nostra psiche, dove conserviamo quelle parti di noi stessi che decidiamo di reprimere o negare. Immagina un arazzo di emozioni, ricordi, impulsi e desideri, tutti intricati e nascosti alla nostra consapevolezza. Questi sono gli elementi del nostro essere che, per paura, vergogna o condizionamento sociale, abbiamo spinto in questo regno oscuro. Tuttavia, non sono solo gli aspetti negativi e oscuri, ma anche i talenti inespressi e le voci silenziate del nostro vero potenziale.

Perché, allora, l'ombra è così cruciale nel nostro viaggio alla scoperta di noi stessi? Jung credeva che, chiudendo un occhio sulla nostra ombra, limitassimo la nostra crescita psicologica. Egli sosteneva che le nostre ombre, anche se apparentemente scoraggianti, contengono la chiave della nostra completezza. Solo abbracciando queste parti nascoste di noi stessi possiamo raggiungere la vera integrazione e autenticità. Hai mai provato un senso di incompletezza, la sensazione che qualcosa dentro di te rimanga non riconosciuto? Questo è il sottile richiamo dell'ombra: una chiamata ad esplorare l'inesplorato.

L'intuizione di Jung andava oltre la psicologia individuale. Egli vedeva l'ombra anche come un fenomeno sociale, dove le ombre collettive si manifestano in norme culturali e pregiudizi inconsci condivisi. Riconoscendo le nostre ombre personali, non solo intraprendiamo un viaggio di guarigione individuale, ma contribuiamo anche alla guarigione della nostra psiche collettiva.

Quindi, come possiamo iniziare a svelare quest'ombra? Si inizia con la volontà di guardarsi dentro, di esplorare le profondità del nostro mondo interiore con onestà e coraggio. Questo processo non consiste nel giudicare le parti di noi stessi che troviamo; piuttosto, si tratta di portare la luce negli angoli dimenticati, offrendo accettazione e comprensione a tutto ciò che siamo.

Il profondo contributo di Jung alla comprensione dell'ombra pone le basi per un viaggio di trasformazione. Ci invita a porci delle domande: Quali parti di me stesso ho tenuto nascoste? Quale potenziale è sepolto in queste ombre? 

1.2 Il lavoro con le ombre nell'intreccio degli approcci moderni alla psicoterapia e alla crescita personale 

Qualcuno potrebbe chiedersi perché il termine "ombra" o "lavoro con l'ombra" non abbia trovato una risonanza clamorosa nei moderni modelli psicoterapeutici e di crescita personale. Se mai, il concetto di ombra compare nei libri di testo di Psicologia Transpersonale di autori come Stanislav Grof, Abraham Maslow o Ken Wilber. Significa che il concetto di "ombra" è superato o sbagliato?

No, affatto. Sebbene al giorno d'oggi si parli raramente di "ombra" e alcuni termini di Jung possano sembrare arcaici nella loro forma originale, il concetto di ombra è stato fondamentale per molte correnti moderne di terapia. Spesso intendiamo la stessa cosa con termini diversi o sviluppiamo concetti sovrapposti e correlati. Alcuni esempi di come il principio di "ombra" sia ripreso dagli approcci moderni:

La famosa Inner Family Systems (IFS), sviluppata da Richard Schwartz, è una terapia che riconosce molteplici sub-personalità o "parti" all'interno di una persona. L'IFS distingue tre tipi di parti: Esiliati, Dirigenti e Pompieri. Gli Esiliati sono paragonabili ai nostri "bambini interiori" perduti, le parti più vulnerabili della nostra psiche che proteggiamo a tutti i costi con i nostri Dirigenti e Pompieri. L'idea centrale dell'IFS risuona con il lavoro sull'ombra di Jung, in quanto anch'esso implica il coinvolgimento e la comprensione di diversi aspetti del sé, soprattutto quelli che spesso sono nascosti o in conflitto. Il lavoro sull'ombra enfatizza l'integrazione di queste parti trascurate o soppresse della nostra personalità, il che si allinea bene con il principio dell'IFS di raggiungere l'armonia tra le diverse parti.

Allo stesso modo, la Terapia Cognitiva Basata sulla Mindfulness (MBCT) incoraggia una consapevolezza non giudicante di tutti gli aspetti della propria esperienza, compresi i pensieri, le emozioni e le sensazioni che potrebbero essere scomode o angoscianti. Questa consapevolezza e accettazione può essere vista come simile al riconoscimento e all'integrazione dell'ombra, in quanto comporta l'affrontare parti di sé che spesso vengono ignorate o soppresse perché associate a un (eccessivo) disagio.

La terapia della Gestalt, sviluppata da Fritz Perls, enfatizza l'autoconsapevolezza, l'interezza e l'integrazione del sé, compresi gli aspetti che spesso non vengono considerati. Questo approccio incoraggia gli individui a prendere coscienza dei propri sentimenti, pensieri e comportamenti nel momento in cui si verificano, compresi gli aspetti che tendiamo a ignorare o a eludere a causa della sofferenza che causano. Portando questi aspetti alla consapevolezza, possiamo iniziare a integrarli e a sperimentare l'interezza, un presupposto fondamentale condiviso con il lavoro con le ombre.

Inoltre, l'avvento della psicoterapia assistita da psichedelici negli ultimi anni ha dato al concetto di ombra una spinta percepibile. Ricercatori di spicco come Robin Carhart-Harris hanno sostenuto che la ricerca psichedelica fornisce supporto all'idea di Jung sull'ombra e contribuirà addirittura a rendere il lavoro sull'ombra più mainstream.[1]. In ogni caso, il modo in cui intendiamo il lavoro con le ombre non si limita esclusivamente alla psicoterapia analitica (e ad alcune delle sue pratiche più occulte come l'analisi dei sogni), ma piuttosto come una forma di scoperta delle parti interiori e di integrazione nella consapevolezza cosciente di ciò che è stato spinto nell'inconscio. Difficilmente qualcuno potrebbe sostenere che le virtù del lavoro con le ombre, come affrontare il proprio dolore con compassione e coraggio invece di fuggire da esso, siano insensate. Alla fine, è importante considerare il lavoro con le ombre in un quadro più ampio di ecologia delle pratiche e tenere conto di ciò che è utile (per chi volesse fare un po' di ricerca, abbiamo scritto una serie di otto puntate sulle diverse modalità di lavoro interiore: clicca). Ricorda che il termine "ombra" è una metafora per indicare alcune parti della nostra psiche che sono uscite dalla consapevolezza. È solo uno dei tanti tentativi di descrivere le complesse dinamiche della nostra psiche. Il linguaggio di Jung e il processo di lavoro sull'ombra utilizzano molto simbolismo, archetipi e si spingono in ambiti mistici e spirituali che, per definizione, sono difficili da misurare con il metodo scientifico materialista. La psicoterapia moderna, come la CBT, preferisce avere parametri chiaramente quantificabili anziché escursioni mitopoietiche nella psiche. Ironia della sorte, questa avversione per il non quantificabile, il mistico, potrebbe aver spinto il lavoro delle ombre nell'ombra letterale della moderna psicoterapia cognitiva. 

Tenendo presente la contestualizzazione di cui sopra, procediamo con il nostro viaggio negli inferi della nostra consapevolezza. Alla luce degli avvertimenti del lavoro con le ombre, apriamoci alle possibilità di crescita e trasformazione che il lavoro con le ombre può offrire.

2. Lavoro d'ombra trasformativo: cos'è e come funziona?

Intraprendere il viaggio del lavoro con le ombre è come salpare in un vasto e inesplorato oceano del sé. È un viaggio che ci porta in profondità nel cuore di ciò che siamo, oltre la facciata della nostra persona quotidiana, nelle profondità ricche e spesso oscurate del nostro paesaggio interiore. Questo viaggio è allo stesso tempo impegnativo e profondamente gratificante e offre un percorso di scoperta di sé e di sviluppo personale.
mosaico di una barca a vela verso l'orizzonte sull'oceano

Il lavoro con le ombre non è un mero esercizio psicologico, ma un processo olistico di auto-integrazione. Ci invita a confrontarci e ad abbracciare le parti di noi stessi che sono state nascoste nell'ombra: le paure, le ferite, i punti di forza non riconosciuti e i sogni repressi. Facendo luce su questi aspetti nascosti, il lavoro con le ombre può facilitare una trasformazione che permea ogni aspetto del nostro essere.

Ma perché intraprendere questo viaggio? Che significato ha per il nostro sviluppo personale? E come possiamo affrontare le complessità e le sfide che presenta? Queste sono le domande che esploreremo mentre approfondiamo l'essenza del lavoro con le ombre.

Nelle prossime sezioni scopriremo il profondo impatto del lavoro sull'ombra sulla crescita personale, sulla guarigione emotiva e sulle dinamiche relazionali. Esploreremo anche i diversi metodi e le pratiche coinvolte in questo viaggio, affrontando le sfide e l'immenso coraggio necessari per affrontare il nostro io più profondo.

2.1 L'importanza del lavoro ombra nello sviluppo personale

una marionetta su corde che simboleggia la liberazione

"Finché non renderai cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e tu lo chiamerai destino".

Nel grande arazzo dello sviluppo personale, il lavoro con le ombre emerge come un filo vitale, che intreccia i frammenti del nostro io emotivo e psicologico in un'unione più coesa e autentica. Questo processo, anche se spesso trascurato, è un passo cruciale nel nostro viaggio verso l'interezza, offrendo profonde intuizioni sul nucleo di chi siamo e di chi possiamo diventare.

2.1.1 Il lavoro nell'ombra svela la nostra completezza emotiva e psicologica

Il viaggio verso l'integrazione della nostra ombra inizia con il coraggioso atto del riconoscimento. Immagina di trovarti ai margini di una foresta profonda, il terreno sconosciuto del tuo subconscio. Riconoscere l'ombra significa entrare in questa foresta, pronti a esplorarne le profondità nascoste. Questa esplorazione porta alla luce le emozioni represse, i traumi e gli aspetti della nostra personalità che sono stati nascosti. Portando questi elementi alla consapevolezza, iniziamo un processo di guarigione profondo e trasformativo.

Il potenziale trasformativo di questo viaggio risiede nella sua capacità di rimodellare il nostro rapporto con noi stessi. Quando integriamo queste parti precedentemente rinnegate, ci avviciniamo a una versione più autentica di noi stessi, libera dal peso di paure e desideri non riconosciuti. L'energia (o l'attenzione) di cui avevamo bisogno per tenere represse certe parti può essere liberata e trasmutata per scopi più positivi per la vita. Questo porta a una salute emotiva e psicologica più solida, in cui siamo meno frammentati e più integri. È come trovare i pezzi mancanti di un puzzle: ogni pezzo che troviamo e che si incastra al suo posto ci avvicina alla visione dell'immagine completa della nostra psiche.

un puzzle che raffigura una persona che entra in una foresta oscura

2.1.2 Perché il lavoro nell'ombra migliorerà le tue relazioni e la comprensione di te stesso

Il lavoro con le ombre gioca un ruolo fondamentale anche nel modo in cui ci relazioniamo con gli altri. Spesso le nostre relazioni agiscono come specchi, riflettendo le parti di noi stessi che non abbiamo ancora riconosciuto. Ad esempio, i tratti che troviamo difficili negli altri possono essere aspetti della nostra ombra che cercano di essere riconosciuti. Ti è mai capitato di pensare a un'altra persona qualcosa del tipo: "Oh, questo tizio si preoccupa solo dei soldi, che patetico" oppure "È così piena di sé, non riesco a credere a quanto sia narcisista ed egoista"? La risposta è molto probabilmente un sonoro "sì". Può darsi che una parte della nostra apprensione per gli altri non abbia in realtà nulla a che fare con l'altro, ma che sia un riflesso indiretto di alcune qualità o tratti caratteriali che non riusciamo a vedere in noi stessi e che vediamo solo nell'altra persona - questo si chiama proiezione. Impegnandoci nel lavoro con le ombre (cioè riconoscendo queste qualità anche in noi stessi), diventiamo più consapevoli di queste proiezioni, il che ci porta a una comprensione più profonda di noi stessi e a relazioni più autentiche.

Questa consapevolezza di sé trasforma le nostre interazioni con gli altri. Ci aiuta a rispondere da un luogo di consapevolezza piuttosto che reagire dall'ombra dei nostri pregiudizi e fattori scatenanti inconsci. Di conseguenza, le nostre relazioni diventano meno legate a schemi inconsci e più a legami autentici. Iniziamo ad apprezzare la complessità e la profondità degli altri, così come impariamo ad accoglierla in noi stessi.

Inoltre, il lavoro con le ombre favorisce l'empatia e la compassione, sia verso noi stessi che verso gli altri. Affrontando e accettando i nostri aspetti nascosti, diventiamo più tolleranti e comprensivi nei confronti delle imperfezioni degli altri. Per dirla con le parole di W.H. Auden, alla fine potrete permettervi di "amare il vostro vicino storto con il vostro cuore storto". Questo cambiamento non solo migliora le nostre relazioni esistenti, ma apre anche la strada a nuovi legami che sono radicati nell'autenticità e nel rispetto reciproco.

In sostanza, il lavoro con le ombre ci invita a un profondo viaggio alla scoperta di noi stessi e alla trasformazione. Ci sfida ad affrontare i territori inesplorati della nostra mente e, così facendo, ci offre un percorso verso una vita più integrata, sana e appagante.

2.2 Quali sono i segni che la tua ombra sta prendendo il sopravvento?

Nel regno dell'auto-scoperta, confrontarsi con l'ombra è sia un'arte che una scienza. Richiede una miscela di introspezione, coraggio e compassione con la giusta guida da parte di terapeuti, facilitatori, coach e/o compagni di viaggio esperti. Questo viaggio nelle profondità della nostra psiche è caratterizzato da diversi metodi e pratiche, ognuno dei quali offre una lente unica attraverso la quale vedere e comprendere gli aspetti nascosti di noi stessi. Una sola cosa è certa: questo percorso non è privo di sfide e ci richiede di affrontare e abbracciare le parti di noi stessi che abbiamo a lungo evitato.
una persona che interagisce con la sua ombra

L'inizio del lavoro con le ombre consiste nel rendersi conto e accettare che abbiamo un'ombra come tutti gli altri. Non si tratta di una carenza o di un difetto fondamentale del nostro carattere. Una volta riconosciuta questa verità, possiamo iniziare a lavorare con le energie delle nostre ombre invece di caderne preda.

Per riconoscere quando la nostra ombra si sta manifestando, dobbiamo prestare attenzione a certi comportamenti e risposte emotive che sembrano non caratteristici, intensi o addirittura estremi. A volte diciamo o facciamo qualcosa e dopo esserci calmati ci chiediamo: "Ero davvero io?". Questi segnali possono fornire preziose indicazioni sugli aspetti di noi stessi che potremmo inconsciamente evitare o reprimere. Ecco una selezione di comportamenti comunemente osservati a cui prestare attenzione:

  • Reattività: Se ti accorgi di reagire in modo automatico ed eccessivo, sentendoti spesso scatenato o sopraffatto dalle emozioni, è segno che la tua ombra è in gioco. Questa reattività spesso deriva da ferite irrisolte e non riconosciute, in particolare dalle prime esperienze di vita.
  • Proiezione: Quando attribuisci agli altri qualità che neghi a te stesso, stai proiettando. Questo è particolarmente comune con le qualità che non ti piacciono e che neghi con veemenza di possedere (un ottimo esempio di qualcuno che lo fa sempre: Donald Trump). La proiezione ti impedisce di riconoscere questi aspetti in te stesso e rappresenta un rifiuto della responsabilità per le proprie imperfezioni.
  • Aggressione: Un comportamento aggressivo, sia verso l'esterno che verso l'interno, indica la presenza della tua ombra. L'aggressività spesso nasconde vulnerabilità e morbidezza e comporta un trattamento duro nei confronti degli altri o di te stesso.
  • Eccessiva positività: L'eccessivo impegno nella positività può essere un segno che stai prendendo le distanze dalla tua ombra, evitando emozioni negative come la rabbia, la paura e la vergogna.
  • Intorpidimento emotivo: Essere tagliati fuori dalle emozioni è un segno della manifestazione della tua ombra. Questo intorpidimento potrebbe essere una difesa contro il dolore associato a certe emozioni e spesso viene normalizzato o scambiato per distacco.
  • Eroticizzare le ferite irrisolte: Se ti accorgi di incanalare ferite emotive irrisolte o bisogni non soddisfatti in contesti sessuali, potrebbe trattarsi di una manifestazione dell'ombra. Questo comportamento spesso comporta la messa in atto di dinamiche di potere malsane nelle relazioni sessuali.
  • Disumanizzare gli altri: Quando disumanizzi gli altri, ad esempio facendo il bullo, la tua ombra è in gioco. Questo comportamento è segno che ti stai allontanando dall'empatia e dalla compassione.
  • L'eccessiva tolleranza verso i comportamenti dannosi: Tollerare eccessivamente il comportamento aggressivo o dannoso degli altri, soprattutto se deriva dalla paura del confronto, indica che la tua ombra è attiva. Questo spesso maschera la paura e la mancanza di rispetto per se stessi.
  • Esagerato bisogno di piacere: Un desiderio irrefrenabile di piacere o di essere apprezzati può essere una manifestazione dell'ombra, soprattutto se deriva da una mancanza di auto-accettazione e da una rabbia repressa.
  • Autosabotaggio: Mettere in atto comportamenti autolesionistici come la procrastinazione o il fare la vittima può essere un segno della tua ombra, che spesso riflette aspetti trascurati del tuo bambino interiore e un attaccamento a rimanere piccolo.
  • Rifiuto di scusarsi: Se hai difficoltà ad ammettere le tue colpe e a scusarti, a prescindere dalla gravità o dalla trascuratezza della tua azione, si tratta di un potenziale segno d'ombra. Questo comportamento è spesso una difesa contro la vergogna e la vulnerabilità.

2.3 Impegnarsi con l'ombra: 5 capacità chiave da coltivare 

umano composto da tessere chiare e scure che rappresentano parti d'ombra e la completezza personale
Impegnarsi nel lavoro con le ombre richiede di coltivare un terreno solido da cui partire per lavorare. Cinque capacità e qualità sono particolarmente importanti nella nostra ricerca di trovare, affrontare e integrare le nostre ombre
[2]

  1. Essere presenti
    Una delle sfide principali del lavoro con l'ombra è la capacità di essere presenti. Per affrontare efficacemente la nostra ombra, dobbiamo essere presenti senza distrazioni e con i piedi per terra. Questo significa essere pienamente nel momento, consapevoli del nostro stato emotivo e delle nostre sensazioni corporee, senza perdersi nel passato o nel futuro. Essere presenti significa vivere le emozioni, i sentimenti e i pensieri così come si presentano, non come vorremmo che fossero. Richiede di abbandonare il comfort dell'evitamento e di abbracciare la realtà cruda e non filtrata del nostro mondo interiore. Allo stesso tempo, essere presenti non è uno stato di osservazione passiva. Comporta percepire e osservare attivamente ciò che accade dentro di noi, registrando i nostri stati emotivi e lasciandoci immergere completamente nell'esperienza, con curiosità e coraggio. Questa pratica di presenza non consiste nel cercare il benessere, ma nell'ancorarci alla realtà del nostro essere, a prescindere dal disagio che ciò può comportare.
  2. Coltivare l'equanimità, la fermezza e l'immobilità interiore
    Un'altra capacità chiave che dobbiamo esercitare per lavorare efficacemente con le nostre ombre è coltivare la quiete interiore in mezzo alla turbolenza emotiva che il lavoro con le ombre può suscitare. Questa quiete non implica l'inazione o la passività, ma piuttosto una consapevolezza focalizzata che crea uno spazio per la guarigione e l'integrazione. Si tratta di percepire lo spazio tra i pensieri, le pause tra i respiri e di permettere a questi spazi di espandersi, portando la nostra agitazione interiore in questo regno di quiete. Diventiamo intimi con qualsiasi emozione si presenti, ma non ne veniamo completamente inghiottiti.
  3. Come superare la compassione e i limiti
    Una sfida importante nel lavoro con l'ombra è gestire l'autocompassione mantenendo dei confini sani. Quando esploriamo la nostra ombra, potremmo essere sopraffatti empaticamente dagli stati emotivi che incontriamo, perdendo il nostro senso di autonomia e concentrazione. Per evitare che ciò accada, dobbiamo stabilire uno "scudo empatico", una barriera metaforica che ci permetta di entrare in empatia con i nostri elementi ombra senza esserne eccessivamente assorbiti o persi. Questo scudo ci aiuta a mantenere un distacco sufficiente a non perdere di vista i nostri elementi ombra, pur essendo intimamente connessi con loro. Si tratta di un delicato equilibrio tra l'amorevolezza e l'autocompassione da un lato e la capacità di usare la nostra energia di rabbia ("energia rossa") per stabilire dei limiti sani dall'altro.
  4. La mente del principiante: Abbracciare lo stato di non sapere
    Impegnarsi con l'ombra significa anche abbracciare uno stato di non conoscenza. Questo stato è caratterizzato da apertura e curiosità, senza fissarsi su conoscenze o aspettative preesistenti. Si tratta di essere attenti, presenti e ricettivi a qualsiasi cosa si presenti, senza avere fretta di categorizzare o definire l'esperienza. Stabilire e consolidare il non sapere implica lo sviluppo di una consapevolezza di testimonianza, il mantenimento di un sano distacco e la promozione della curiosità. Si tratta di relazionarsi con le nostre esperienze piuttosto che identificarsi con esse o difendere i nostri preconcetti sulle esperienze. Nel buddismo zen, questo è chiamato "non sapere". La mente del principiante.
  5. Approfondire l'intimità con l'ignoto
    Infine, la sfida del lavoro con le ombre è quella di approfondire la nostra intimità con l'ignoto. Si tratta di sentire la fonte dei nostri misteri interiori, aprendoci alla realtà che è più profonda delle semplici risposte. Questo processo implica una significativa trasparenza del sé verso l'Essere, comprendendo tutte le nostre qualità, comprese quelle ospitate nella nostra ombra.


Sebbene in questo articolo possiamo solo scalfire la superficie del lavoro pratico con l'ombra, consigliamo il libro di Robert August Masters (PhD) "Bringing Your Shadow out of the Dark" a chi vuole approfondire.

2.4 Gestire le emozioni chiave nel lavoro ombra 

Il lavoro con l'ombra è un processo ricco di sfumature, che varia in modo significativo in base allo specifico terreno emotivo che stiamo percorrendo. Qui affrontiamo brevemente i metodi di lavoro con l'ombra adattati ai principali ambiti emotivi: paura, rabbia, vergogna e dolore. Ogni emozione presenta un proprio paesaggio nell'ombra e l'approccio per esplorare queste aree è unico come le emozioni stesse.

Paura e ansia

"Se stai cercando una vera trasformazione, non devi guardare oltre la tua paura". R.A. Masters [2]

La paura e l'ansia, spesso in agguato nell'ombra, possono essere una porta d'accesso alla comprensione delle nostre insicurezze più profonde e spesso non riconosciute. Mentre la paura è solitamente legata a un oggetto, cioè temiamo una particolare situazione (ad esempio parlare onestamente con il nostro partner dei nostri sentimenti) o persona (ad esempio un partner o un genitore violento), l'ansia è uno stato di inquietudine più diffuso e generalizzato che non è necessariamente legato a un determinato oggetto. Per affrontare la paura e l'ansia, un metodo efficace è quello di risalire alle sue origini. Si tratta di chiedersi: "Quando ricordo di aver provato per la prima volta questa paura/ansia?". Identificando le prime esperienze di paura/ansia, possiamo iniziare a comprenderne le radici nella nostra vita.

La mindfulness e le pratiche meditative possono essere utili per osservare la paura o l'ansia senza farsi sopraffare da essa. Anche le tecniche di visualizzazione (utilizzate ad esempio nella terapia della Gestalt), in cui ci immaginiamo di affrontare la paura in un ambiente sicuro e controllato, possono aiutarci a desensibilizzare gradualmente e a comprendere meglio le nostre paure. Allo stesso modo, l'esperienza che le persone possono fare sotto l'effetto degli psichedelici (ad esempio con i tartufi di psilocibina) può essere una visualizzazione delle loro paure e ansie. L'incontro con la paura o l'ansia sotto l'effetto degli psichedelici può aiutarci a relazionarci con esse in modi diversi, ad esempio avvicinandoci alla paura invece di allontanarci da essa o elaborando l'intensità della nostra paura in uno stato di risorse e/o in un ambiente di supporto (ad esempio con il sostegno di guide, facilitatori e/o compagni di viaggio). 

un palloncino innocuo con un'ombra scura e spaventosa sul muro

Rabbia

La rabbia nel lavoro ombra è spesso uno strato protettivo che maschera emozioni più profonde come il dolore o la paura. Per affrontare la rabbia, è fondamentale permettere a noi stessi di sentirla pienamente, senza agirla. Tecniche come la scrittura espressiva possono essere uno sfogo sicuro per liberare la rabbia. Il segreto è chiedersi: "Cosa mi impedisce di provare questa rabbia?". Spesso l'esplorazione della rabbia porta a una comprensione più profonda del dolore irrisolto o dei bisogni non soddisfatti. Potrebbe anche insegnarci come abbiamo imparato da bambini a trattenerci e a non esprimere o a non sentire la nostra rabbia. Questo accade spesso se a casa non c'era spazio per la nostra rabbia ("siamo una famiglia felice e arrabbiarsi è sbagliato") o se siamo stati puniti verbalmente o fisicamente per averla espressa ("come osi parlare?" o "sei un ragazzo cattivo e ingrato perché sei arrabbiato"). 

Nel lavoro di processo informato dal trauma, come nell'Esperienza Somatica, possiamo anche imparare a sentire lentamente il potere delle tue emozioni, come la paura o la rabbia, e a tradurle in un rilascio regolato (titolazione) e in un'espressione regolata. Ad esempio, possiamo stabilire dei limiti verbali (ad esempio "Basta così, non di più") o sperimentare dei movimenti del corpo che esprimano dei limiti (ad esempio una mano tesa con il palmo sollevato che indica "basta" o "basta") o sperimentare il potere della nostra forza muscolare appoggiandoci a qualcosa o a qualcuno o muovendo lentamente un oggetto pesante con la nostra forza di rabbia attraverso la stanza. In questo modo possiamo riabituarci lentamente a sentire ed esprimere la nostra energia di rabbia in modi non distruttivi e regolati. 

Vergogna

La vergogna è un'emozione complessa dell'ombra, spesso legata al nostro senso di autostima e identità. Per affrontare la vergogna, le pratiche di auto-compassione sono fondamentali. Queste possono includere la scrittura di lettere di perdono e comprensione a se stessi o la pratica di meditazioni di amorevolezza. La riflessione sulle fonti della vergogna, spesso messaggi sociali o familiari, aiuta a comprenderne le origini esterne. Questo processo consiste nel mettere in discussione la validità di questi messaggi e nell'imparare lentamente a distaccarne l'autostima.

Il dolore

Il lutto nell'ombra può manifestarsi come tristezza irrisolta o senso di perdita. Per affrontare il lutto è necessario creare uno spazio per piangere ciò che abbiamo perso, che sia una persona, un sogno o un aspetto di noi stessi. Questo potrebbe comportare dei rituali per lasciarsi andare, come scrivere lettere a ciò o a chi abbiamo perso o essere testimoni del nostro dolore. Riconoscere ed esprimere il lutto attraverso l'arte, la poesia o la musica può anche essere un modo catartico per elaborare queste emozioni profonde.

Affrontare l'ombra è un viaggio che richiede coraggio e impegno, ma la sua ricompensa è impareggiabile. Ci porta a una comprensione più profonda di noi stessi, a una maggiore libertà emotiva e a un modo più autentico di stare al mondo. Come afferma in modo toccante R.A. Masters, "Più esploriamo la nostra ombra, più facilmente entriamo nell'avventura di portare tutto ciò che siamo, alto e basso, buio e luce, morbido e duro, nel cerchio del nostro essere". Questo viaggio, sebbene impegnativo, è una delle imprese più stimolanti che possiamo intraprendere nella nostra ricerca di auto-scoperta e crescita personale. La domanda che emerge, quindi, è come l'uso attento degli psichedelici possa aiutarci ad approfondire questo viaggio di auto-scoperta e crescita. Questo è ciò che vedremo nel prossimo capitolo.

3. Sinergizzare gli psichedelici con il lavoro sulle ombre

Gli psichedelici, da sempre compagni dell'umanità nella ricerca del sé, sono noti per dissolvere i veli della coscienza ordinaria, offrendo uno sguardo nei territori inesplorati della nostra mente. Quindi, nell'intricato viaggio di esplorazione del sé, la fusione degli psichedelici con il lavoro con le ombre emerge come un modo allettante per approfondire le nostre esplorazioni. Ma dobbiamo seguire questa tentazione? Cosa succede quando il lavoro sull'ombra viene amplificato dalla lente degli psichedelici? Gli psichedelici possono aiutare a integrare le parti frammentate della nostra psiche, portando a un'integrazione più armoniosa delle nostre parti ombra?

Quando ci addentriamo in questa esplorazione, emergono due dimensioni fondamentali. La prima è l'approfondimento della scoperta di sé e della guarigione: un viaggio nel cuore delle nostre ombre, facilitato dalle esperienze integrative che gli psichedelici possono offrire. La seconda dimensione è l'integrazione dell'esperienza psichedelica nel lavoro con le ombre, un processo che richiede abilità, sensibilità e profonda comprensione. In questa sede ci concentreremo in particolare su come i ritiri psichedelici in un contesto di gruppo possano essere utili per approfondire il processo del lavoro con le ombre.

Nelle sezioni successive esploreremo queste dimensioni in modo più preciso. Scopriremo come gli psichedelici, se usati con l'intenzione e la guida, possono essere dei potenti alleati nel viaggio del lavoro sull'ombra. 

3.1 Approfondire la scoperta di sé e la guarigione attraverso gli psichedelici

Gli psichedelici hanno la straordinaria capacità di agire come specchi, riflettendo gli strati più profondi della nostra coscienza. Possono far emergere ricordi repressi, emozioni sommerse e aspetti trascurati della nostra identità, mettendoli a nudo davanti ai nostri occhi. Nei confini sicuri di una sessione psichedelica guidata, queste rivelazioni offrono un'opportunità unica di scoperta di sé.

un labirinto della propria mente e psiche

Sotto l'influenza degli psichedelici, le rigide strutture del nostro ego possono ammorbidirsi, permettendoci di aggirare le difese abituali che proteggono le nostre ferite e i nostri segreti più profondi. Questa temporanea dissoluzione dei confini dell'ego ci offre la rara possibilità di vedere noi stessi da una nuova prospettiva, non filtrata e autentica. È un momento di verità, in cui le storie che ci raccontiamo su chi siamo si scontrano con la realtà del nostro mondo interiore. Questo rappresenta un'opportunità unica nel processo del lavoro con le ombre per aggirare i nostri meccanismi di difesa e lavorare sulle cose che contano davvero.

Inoltre, il potenziale curativo degli psichedelici nel lavoro con l'ombra non risiede solo nella rivelazione dell'ombra, ma anche nell'integrazione di queste rivelazioni nella nostra consapevolezza. Gli psichedelici possono catalizzare un intenso rilascio emotivo, che spesso porta a un profondo senso di catarsi. Questo sfogo emotivo, sia che si manifesti come lacrime, risate, tremori o un senso travolgente di amore e connessione, può essere un passo fondamentale nel processo di evoluzione e integrazione personale. Tuttavia, il viaggio non finisce con l'esperienza psichedelica in sé. Il vero impatto si manifesterà quando integreremo queste intuizioni nella nostra vita quotidiana. Le sessioni post-esperienza con un terapeuta o un facilitatore possono aiutarci a dare un senso alle rivelazioni, inserendole nel tessuto della nostra narrazione personale. Questo processo di integrazione è il momento in cui gli elementi ombra, un tempo nascosti e temuti, iniziano a trovare il loro posto come parti riconosciute e accettate di tutto il nostro io.

3.2 Integrazione degli psichedelici nel lavoro con l'ombra - Ritiri psichedelici di gruppo per un viaggio collettivo nell'ombra

Nel rapporto tra psichedelici e lavoro con l'ombra, da dove si comincia? Forse nel regno dei ritiri psichedelici, dove il viaggio nell'io ombra non è un percorso solitario ma un viaggio condiviso. Questi ritiri, se realizzati ad arte, creano un santuario in cui gli individui intraprendono una profonda esplorazione del proprio paesaggio interiore, non in isolamento ma insieme a compagni di viaggio impegnati in una ricerca simile. Qui, tra la guida di abili facilitatori e la risonanza del gruppo, i muri tra il noto e l'ignoto si assottigliano, offrendo un passaggio nelle profondità della psiche. Gli straordinari ritiri psichedelici di gruppo possono contare su una tettoia protettiva con quattro pilastri che sostengono il lavoro con le ombre:

    1. Vulnerabilità condivisa

L'essenza di questi incontri di gruppo risiede nella vulnerabilità condivisa, un fenomeno che si manifesta in modo unico nello spazio psichedelico. Mentre ogni partecipante scava nella propria psiche, portando alla luce e affrontando aspetti nascosti di sé, è circondato da altri che fanno lo stesso. Questo atto condiviso di scoprire e affrontare la propria ombra crea un ambiente di empatia e connessione. Ci ricorda che non siamo soli nelle nostre lotte o scoperte, favorendo un senso di connessione e di appartenenza.In questo spazio sacro, la vulnerabilità condivisa non è un peso ma un ponte, che collega i punti tra la guarigione personale e quella collettiva. Vedere gli altri nei loro stati più autentici e disinvolti può incoraggiare gli individui a confrontarsi con le proprie ombre in modo più aperto e senza giudizio. Mentre l'esperienza psichedelica si svolge, ogni individuo, come una nota unica in una sinfonia, contribuisce alla melodia collettiva.
 

    1. Energia collettiva e rispecchiamento:
      Quante volte le nostre verità si riflettono nella storia di un altro, le nostre paure riecheggiano nella voce di un altro?
      L'energia di un gruppo in una cerimonia psichedelica, carica di intenzioni e sogni non detti, con la profondità emotiva e spirituale dell'esperienza di ogni individuo, può creare un maggiore senso di consapevolezza collettiva. Questo ambiente di gruppo diventa un punto di incontro tra il profondamente personale e il trans-personale, dove le nostre riflessioni vengono amplificate, offrendo nuove prospettive e intuizioni. In questo spazio, le emozioni e le esperienze degli altri possono agire come specchi, riflettendo parti della nostra psiche che potremmo aver trascurato o soppresso. Questa energia condivisa diventa un punto di orientamento, che guida i partecipanti attraverso il sistema delle loro ombre. Qui, nel cuore delle esperienze condivise, potrebbe trovarsi la chiave per aprire porte chiuse da tempo. 
      persone in una cerimonia psichedelica di gruppo che si specchiano l'una nell'altra ombra
    2. Comprensione e diversità di prospettive:
      Un aspetto simile, ma distinto, è che la presenza di un gruppo di supporto fornisce un senso di sicurezza e incoraggiamento, fondamentale per addentrarsi nel territorio spesso impegnativo del lavoro con le ombre. Il sostegno e la comprensione che derivano dall'appartenenza a un gruppo ci spingono ad affrontare e integrare aspetti di noi stessi che avremmo potuto trovare troppo scoraggianti da affrontare da soli.Sapere che altri stanno vivendo esperienze simili di scoperta di sé può essere come una coperta calda, che lenisce i sentimenti di isolamento e ostracismo solitamente associati al lavoro sull'ombra.
      Inoltre, la presenza di compagni di viaggio in questo percorso ci introduce a punti di vista ed esperienze diverse. Come condividono le loro storie, le loro lotte e le loro rivelazioni, si forma un mosaico di esperienze umane. È nel caleidoscopio di queste storie che spesso troviamo frammenti del nostro io nascosto.Impegnarsi con questa diversità può mettere in discussione le proprie percezioni e convinzioni, favorendo il viaggio nell'ombra e rivelando i punti ciechi o i pregiudizi inconsci.
    3. Guida calibrata da parte dei facilitatori
      I facilitatori svolgono un ruolo cruciale nel garantire che l'esperienza psichedelica sia sicura e favorevole al lavoro con le ombre. Accompagnano i partecipanti durante l'esperienza, aiutandoli a navigare nelle complessità dei loro mondi interiori. È necessario trovare un equilibrio tra il mantenimento dello spazio e l'intervento, onorando l'autonomia e la saggezza interiore del viaggiatore e offrendo un supporto disinteressato quando necessario. I facilitatori esperti possono aiutare a interpretare le esperienze spesso simboliche e astratte che si incontrano durante un viaggio psichedelico, favorendo il processo di integrazione.

3.3 Lavoro con le ombre assistito da psichedelici: un percorso di ritorno a casa

umano composto da tessere chiare e scure che rappresentano parti d'ombra e la completezza personale

Mentre ci troviamo alle soglie di una nuova era in cui il bisogno di integrazione psicologica e di crescita personale non è mai stato così grande, diventa sempre più chiaro che l'integrazione degli psichedelici e del lavoro con le ombre ha un profondo potenziale. L'esplorazione delle nostre parti ombra - quelle non riconosciute, quelle represse, quelle non viste dentro di noi - può essere catalizzata in modo significativo se combinata con gli effetti di apertura mentale degli psichedelici in un ritiro di gruppo ben gestito. Se fatto con grazia, questo abbinamento non solo rivela aspetti nascosti della nostra psiche, ma offre anche un'opportunità unica di integrare questi aspetti nel nostro io cosciente, favorendo un significativo rilascio emotivo, la consapevolezza di sé e, in ultima analisi, una vita più autentica, equilibrata e soddisfacente.

Tuttavia, la combinazione di psichedelici e lavoro con le ombre non è una strada da percorrere alla leggera. Ci chiede di affrontare non solo l'oscurità che abbiamo dentro di noi, ma anche la luce che forse abbiamo avuto troppa paura di abbracciare. Ci sfida a confrontarci con le nostre paure, insicurezze e dolori irrisolti e a trovare in essi i semi della crescita e della trasformazione. Ci invita a lasciar andare vecchi schemi e convinzioni che non ci servono più, a curare le ferite che da tempo ostacolano la nostra crescita. In breve, questo viaggio richiede un cuore pieno di coraggio e impegno. Dobbiamo percorrere questo sentiero impegnativo con riverenza, muniti della lanterna della consapevolezza e della bussola di una guida professionale che ci aiuti a navigare in sicurezza in questi profondi territori psicologici. L'importanza dell'impostazione, della guida e dell'integrazione non può essere sopravvalutata in questo viaggio, in quanto garantiscono un'esperienza sicura e significativa. Se affrontati in modo sconsiderato, gli psichedelici possono essere pericolosi e dannosi per la nostra guarigione. Gli psichedelici in sé non sono una pallottola d'argento che risolverà tutti i nostri problemi. Non faranno il lavoro che non siamo disposti ad accettare per noi. Invece, se inserite in un contesto appropriato, possono invitarci ad avventurarci sulla strada meno battuta. 

In conclusione, riteniamo che la combinazione sapiente e attenta di psichedelici e lavoro con le ombre possa guidarci verso una comunione più profonda con il nostro sé più vero. Un eccezionale ritiro psichedelico, quindi, è più di una semplice fuga dal mondano o di una scorciatoia per la crescita. Può diventare un pellegrinaggio nelle profondità dell'anima, un rito di passaggio nel cuore del nostro essere dove possiamo trovare non solo le ombre ma anche la luce che le proietta. Affrontiamo questo viaggio sacro con timore e attenzione, questo viaggio verso la completezza, il nostro viaggio verso casa.


Ti ricordiamo che non forniamo consigli medici e che devi sempre chiedere l'assistenza di un medico prima di prendere qualsiasi decisione sul consumo di psichedelici.

Bibliografia Psichedelici e lavoro con le ombre

[1] 'Ci sono sempre più prove a favore del concetto di ombra di Jung', Philosophy for Life. Accesso: 14 dicembre 2023. [Online]. Disponibile: https://www.philosophyforlife.org/blog/theres-more-and-more-evidence-for-jungs-concept-of-the-shadow

[2] Robert Augustus Masters Ph.D e L. R. MD, Porta la tua ombra fuori dall'oscurità: liberati dalle forze nascoste che ti guidano. Boulder, Colorado: Sounds True, 2018.

Chi conosci Chi altro potrebbe essere interessato a questo post?
Condividi via
Iscriviti alla newsletter di insights
Circa una volta al mese
Una lampadina che rappresenta le intuizioni del blog
Una lampadina che rappresenta le intuizioni del blog

Fai progredire la tua ricerca di crescita e di miglioramento del benessere

Iscriviti alla conferenza in diretta dell'esperto Evolute

Idee innovative di pensatori di spicco in conversazione con i nostri ospiti di Evolute. Ottieni spunti unici per il tuo percorso di crescita personale, professionale e spirituale. Gratis.

Iscrivendoti accetti di ricevere comunicazioni da Evolute Institute. I tuoi dati non saranno condivisi con terze parti.

"Quando lascio andare ciò che sono, Divento ciò che potrei essere".

- Lao-Tzu

Ricevi approfondimenti e aggiornamenti sugli eventi da Evolute Institute