Evolute Institute

Il lavoro sul respiro e gli psichedelici nella trasformazione personale - Il viaggio interiore

Indice dei contenuti

Introduzione

Negli ultimi anni è cresciuto l'interesse per le terapie e le pratiche alternative per la crescita e la guarigione personale. Due potenti modalità che hanno catturato l'attenzione dei cercatori sulla via della scoperta di sé sono il lavoro di respirazione, in particolare quello olotropico, e gli psichedelici, in particolare nel contesto dei ritiri di gruppo. Questi due approcci offrono strade uniche per esplorare le profondità della propria coscienza, facilitando potenzialmente una profonda trasformazione personale. In questo articolo confronteremo e contrapporremo il breathwork e gli psichedelici, esaminando quando ciascuno di essi può essere indicato e come possono completarsi a vicenda, in particolare in un ritiro di gruppo.

Il lavoro di respirazione olotropica - Respirare verso la completezza

La vita inizia con la prima inspirazione e termina con l'ultima espirazione. Respiriamo circa 18.000 volte al giorno, spesso anche senza accorgercene. Possiamo sopravvivere 3 settimane senza cibo, 3 giorni senza acqua, ma solo 3 minuti senza respirare. Non sarebbe esagerato affermare che il respiro è il carburante della nostra vita, la fonte più vitale della nostra sopravvivenza fisica. Non c'è da stupirsi che lo studio e la padronanza del respiro abbiano sempre attirato la nostra attenzione: Il lavoro sul respiro, nelle sue varie forme, è stato utilizzato per secoli in tutte le culture e tradizioni come mezzo per raggiungere stati alterati di coscienza, guarigione interiore e risveglio spirituale. Ad esempio, nella millenaria tradizione yogica, le tecniche di respirazione Pranayama sono state ideate per padroneggiare il processo respiratorio riconoscendo la connessione tra il respiro, la mente e le emozioni. In tempi più recenti, la respirazione olotropica, sviluppata dallo psichiatra Stanislav Grof e dalla sua defunta moglie Christina come sostituto dell'LSD quando quest'ultimo divenne illegale alla fine degli anni '60, è una forma specifica di respirazione che ha riguadagnato popolarità.

L'Holotropic breathwork e metodi simili, come quello sviluppato da Leonard Orr, prevedono schemi di respirazione controllati e ritmici che possono indurre stati alterati di coscienza. I partecipanti spesso si sdraiano, chiudono gli occhi e si concentrano sul loro respiro, che viene intenzionalmente accelerato e di solito accompagnato da una musica rinvigorente. Invece di fare una pausa dopo un'inspirazione o un'espirazione come nella respirazione regolare, si alternano inspirazioni ed espirazioni veloci e forti. senza pause. In soli 15 minuti, questo processo di respirazione accelerata e più profonda può portare a una serie di esperienze, tra cui intensi rilasci emotivi, immagini vivide, esperienze spirituali o mistiche e un senso di espansione della consapevolezza. Nel lavoro di Grof sono riportate centinaia di testimonianze di persone che rivivono ricordi del passato, in particolare della prima infanzia e persino della propria nascita (vedi la teoria di Grof della "matrice perinatale"). Il lavoro di respirazione olotropica ha aiutato Grof a gettare le basi di gran parte di ciò che oggi conosciamo nel campo della Psicologia Transpersonale. È interessante notare che Leonard Orr sviluppò in modo indipendente il suo metodo di respirazione nello stesso periodo di Grof e lo chiamò "Rebirthing Breathwork", alludendo ancora una volta al fatto che la nascita (e persino la morte) può essere vissuta nuovamente durante la respirazione.

 

Cosa provoca queste reazioni stupefacenti e questi stati alterati di coscienza?

Esistono numerose tecniche di respirazione oltre a quella olotropica, come la respirazione di Wim Hof, la respirazione consapevole, la respirazione sciamanica, la respirazione neurodinamica e la respirazione biodinamica. A prescindere da tutti questi nomi versatili e dalle loro tecniche di inspirazione ed espirazione / sistemi di credenze / strutture / impostazioni leggermente diverse, i loro effetti sul nostro corpo sono pressoché gli stessi. Esistono diversi cambiamenti fisiologici quando ti dedichi a una respirazione profonda e circolare. La respirazione rapida e profonda aumenta i livelli di ossigeno nel sangue e diminuisce quelli di anidride carbonica. Questo di solito porta a cambiamenti nel livello di pH del sangue, rendendolo più alcalino (o meno acido). Di conseguenza, si ritiene che la variazione dei gas nel sangue influenzi l'attività cerebrale. La diminuzione dei livelli di anidride carbonica può portare a una costrizione dei vasi sanguigni nel cervello, con conseguente riduzione del flusso sanguigno in particolare nella corteccia e nelle regioni corticali frontali. Quest'ultima regione è associata al filtraggio cognitivo e metacognitivo delle esperienze vissute, per cui il lavoro di respirazione potrebbe ridurre temporaneamente la nostra "mente razionale", consentendo ad altre parti del cervello di assumere un ruolo più dominante nell'elaborazione mentale. Una nota a margine: molti praticanti di breathwork sostengono che il lavoro di respirazione accelerata sintonizzi il Default Mode Network (DMN) - una regione cerebrale diventata famosa per "ospitare il nostro ego" e che può essere temporaneamente disattivata da psichedelici come i funghi psilocibinici - non ci sono ancora prove scientifiche a sostegno di questa affermazione.

Allo stesso tempo, la respirazione intensa può attivare il sistema nervoso simpatico, la risposta "combatti o fuggi" del corpo, aumentando la frequenza cardiaca, aumentando la vigilanza e aumentando i livelli di energia. Lo sforzo fisico e l'iperventilazione controllata possono innescare il rilascio di endorfine, gli antidolorifici naturali dell'organismo, che possono contribuire a una sensazione di euforia o benessere. Dopo l'intensa sessione di respirazione, spesso si assiste a un periodo di rilassamento e quiete. Qui entra in gioco il sistema nervoso parasimpatico, responsabile del riposo e della digestione, che aiuta a bilanciare la precedente attivazione simpatica.

Su un livello psicologicoIl principio chiave che sta alla base del lavoro di respirazione olotropica è la convinzione che la psiche contenga il potenziale di guarigione e trasformazione e che gli stati alterati di coscienza possano accedere a questo potenziale abbassando la capacità di tenuta della mente razionale (il "chief executive officer"). Quando l'amministratore delegato viene disattivato, le voci, le emozioni e le energie del corpo e delle parti emotive del cervello possono venire in superficie, spesso in modo catartico. Questo affiorare, materiale precedentemente non elaborato o impulsi di movimento (tra cui, ad esempio, tremori, scosse intense, grida) può essere elaborato, lavorato e infine lasciato andare. Diventiamo di nuovo integri integrando nel nostro sistema corpo-mente ciò che è stato soppresso ed escluso dalla nostra consapevolezza. Ecco perché Grof ha chiamato la sua tecnica in questo modo: "olotropico" deriva dal greco antico "holos" (=significa "intero") e "trepein" (=significa "muoversi verso qualcosa"), cioè muoversi verso l'interezza.

 

Quando è utile il lavoro di respirazione olotropica?

Grof ritiene che la psiche umana possa scegliere l'esperienza più rilevante di cui ha bisogno (l'esperienza con la maggiore "pressione psicodinamica"), ma non può sapere in anticipo come sarà l'esperienza. Detto questo, la respirazione olotropica può essere utile in diverse circostanze:

  1. Guarigione dal trauma: Il lavoro di respirazione olotropica può aiutare gli individui a elaborare e rilasciare traumi e ferite emotive profondamente radicate. Lo stato alterato di coscienza può permettere ai partecipanti di rivisitare le esperienze passate e di acquisire nuove prospettive su di esse, portando alla guarigione e all'integrazione. Grof considera il lavoro olotropico come "una forma innovativa di psicoterapia esperienziale" in grado di far luce sui nostri abissi più profondi. Tuttavia, il lavoro olotropico non riguarda solo i traumi. Anche le persone che non hanno subito traumi possono trarre beneficio dalla respirazione olotropica.
  2. Esplorazione di sé: Molte persone si rivolgono al lavoro sul respiro come strumento di scoperta di sé e di crescita personale. Può fornire approfondimenti sul proprio mondo interiore, sulle proprie convinzioni e sui propri modelli di comportamento, favorendo l'autoconsapevolezza e la trasformazione personale.
  3. Riduzione dello stress: Il lavoro sul respiro può essere una potente tecnica di riduzione dello stress. La respirazione profonda e gli stati alterati indotti dal lavoro di respirazione olotropica possono favorire il rilassamento, ridurre l'ansia e ripristinare un senso di calma interiore.
  4. Esplorazione spirituale: Per chi cerca una connessione più profonda con la propria spiritualità, la respirazione olotropica può facilitare esperienze mistiche e trascendenti, fornendo un senso di unità e interconnessione con l'universo.
 

Il lavoro di respirazione olotropica può essere pericoloso?

Il lavoro di respirazione olotropica potrebbe non essere adatto a tutti, in particolare a chi soffre di determinate condizioni mediche o psicologiche. È importante considerare i seguenti fattori:

  1. Condizioni psichiatriche: I soggetti affetti da gravi disturbi psichiatrici, come la schizofrenia o il disturbo bipolare, possono rischiare di subire un'esacerbazione dei sintomi durante il lavoro di respirazione olotropica. È fondamentale che queste persone si consultino con un professionista della salute mentale qualificato prima di provare il lavoro di respirazione.
  2. Condizioni fisiologiche: Alcune condizioni mediche, come problemi cardiovascolari (ad esempio pressione sanguigna incontrollata), lesioni e interventi chirurgici recenti o problemi respiratori, possono rendere poco sicuro l'impegno nelle pratiche di breathwork intensivo. Allo stesso modo, il lavoro olotropico dovrebbe essere evitato durante la gravidanza. 
  3. Mancanza di preparazione: Il lavoro di respirazione olotropica può essere intenso ed emotivamente impegnativo. Senza un'adeguata preparazione e guida, gli individui possono trovarsi sopraffatti o disorientati durante l'esperienza.
  4. Mancanza di integrazione: Molto spesso le persone non si prendono adeguatamente cura di loro dopo l'esperienza del breathwork. Ci sono diversi fattori che giocano un ruolo in questo senso. Ad esempio, a causa delle restrizioni di tempo, gli organizzatori del breathwork spesso non concedono abbastanza tempo per l'"atterraggio" e l'integrazione dopo la respirazione. A volte le persone hanno bisogno di ore per essere in una condizione abbastanza stabile da poter essere nuovamente "liberate nel mondo". Inoltre, un gruppo numeroso con un numero di facilitatori troppo basso o poco preparato può essere problematico. In questo caso, i facilitatori potrebbero non essere in grado di supportare in modo appropriato le persone che hanno subito traumi o che sono confuse o emotivamente scosse e hanno bisogno di supporto emotivo dopo (e durante) la sessione di breathwork. Inoltre, una mancanza di integrazione in loco potrebbe lasciare le persone incerte su cosa fare delle loro esperienze molto profonde o altamente disturbanti. Non è consigliabile partecipare a una sessione intensa di breathwork quando non ci sono le condizioni giuste (ad esempio, un numero sufficiente di facilitatori ben addestrati sul posto - meglio un rapporto di 1:2 tra facilitatore e partecipante) o quando il tempo previsto per l'integrazione è troppo poco (dovresti riservare almeno mezza giornata). 

Se si tiene conto di questi fattori, il lavoro olotropico può essere una pratica molto sicura.

 

Psichedelici in un contesto di ritiro: Esplorare il nostro cosmo interiore 

Gli psichedelici, come la psilocibina ricavata da alcuni funghi o tartufi, il peyote o l'ayahuasca, sono stati utilizzati per secoli in vari contesti culturali e spirituali. Negli ultimi anni si è assistito a una rinascita dell'interesse per gli psichedelici come strumenti di trasformazione personale e di guarigione, spesso facilitati dall'ambiente strutturato dei ritiri psichedelici. In Europa, i Paesi Bassi sono diventati l'epicentro dei ritiri legali di psilocibina.

I ritiri psichedelici prevedono che i partecipanti ingeriscano una sostanza psichedelica sotto la guida di facilitatori esperti. Questi ritiri offrono idealmente un ambiente sicuro e solidale in cui gli individui possono esplorare i loro mondi interiori e acquisire conoscenze sulla loro vita. L'esperienza psichedelica porta spesso a profonde rivelazioni, catarsi emotive ed esperienze ineffabili, di tipo mistico, che le persone spesso dichiarano essere le esperienze più profonde della loro vita. 

Per saperne di più sulle neuroscienze e sulla storia degli psichedelici, vai qui:

Quando è utile un ritiro psichedelico?

Le persone cercano ritiri psichedelici per molte ragioni diverse, che vanno dall'autoesplorazione alla guarigione dai traumi. Ci sono forti somiglianze:

  1. Esplorazione e crescita personale: Le esperienze psichedeliche possono offrire profonde intuizioni sulla psiche e sul percorso di vita di una persona, comprese profonde domande personali che riguardano anche i dilemmi professionali delle persone. Molti individui si rivolgono agli psichedelici come mezzo di auto-esplorazione e crescita personale, cercando risposte alle domande esistenziali della vita. Con la giusta preparazione, l'inquadramento e il supporto in loco, è possibile svolgere un lavoro intenzionale e catalizzare uno sviluppo interiore che altrimenti richiederebbe molto più tempo nei contesti tradizionali di coaching, terapia o formazione.
  2. Risveglio spirituale: Gli psichedelici hanno una lunga storia di utilizzo nelle tradizioni spirituali e sciamaniche. Per coloro che cercano un'esperienza spirituale profonda, un'esperienza di (ri)connessione con la "fonte" o il terreno dell'essere, il divino o l'Uno, le giuste condizioni di ritiro psichedelico e la giusta mentalità possono aprire la possibilità di accedere al senso del sacro attraverso stati alterati di coscienza indotti consapevolmente e con cura.  
  3. Guarire da traumi, dipendenze e altri disturbi mentali: Gli psichedelici, se utilizzati in contesti terapeutici, si sono dimostrati promettenti nell'aiutare gli individui a elaborare e guarire dai traumi, compreso il PTSD. Lo stato di coscienza alterato può consentire ai partecipanti di rivisitare i ricordi traumatici da una nuova prospettiva. Idealmente, i partecipanti al viaggio dovrebbero ricevere nutrimento o risorse emotive da facilitatori o terapeuti altamente qualificati.
  4. Trattamento delle dipendenze: Inoltre, alcuni studi hanno suggerito che gli psichedelici, in particolare la psilocibina, possono essere efficaci nel trattamento delle dipendenze (da sostanze come l'alcol, la nicotina o persino l'eroina), aiutando gli individui a liberarsi da schemi distruttivi e a comprendere le cause alla base dei loro comportamenti di dipendenza. La guarigione e l'integrazione che possono avvenire negli stati alterati di coscienza, se le condizioni sono quelle giuste (impostazione, preparazione, supporto in seduta e integrazione), sono impressionanti.

Infine, gli psichedelici, in particolare la psilocibina, hanno dimostrato di essere una via molto promettente per il trattamento della depressione resistente al trattamento.

 

Quando non è indicato un ritiro psichedelico?

Come nel caso del lavoro olotropico, un ritiro psichedelico può non essere adatto a tutti e occorre considerare attentamente alcuni fattori clinici. È importante controllare i farmaci per evitare interazioni potenzialmente pericolose con le sostanze psichedeliche. 

  1. Condizioni di salute mentale: Gli individui con una storia di gravi condizioni di salute mentale, come la schizofrenia o la psicosi, possono essere a rischio di esacerbare i sintomi o il disagio psicologico durante un'esperienza psichedelica. Queste persone dovrebbero farsi guidare da professionisti della salute mentale e valutare attentamente i rischi e i benefici. Nei programmi di Evolute Institute (EvoCORE o EvoLEAD), ogni partecipante viene attentamente vagliato da un medico con formazione psicoterapeutica per assicurarsi che vengano ammessi solo i partecipanti idonei. 
  2. Farmaci e condizioni di salute: Alcuni farmaci e condizioni mediche possono interagire negativamente con gli psichedelici. Ad esempio, l'ayahuasca contiene potenti alcaloidi dell'harmala inibitori delle monoamino-ossidasi (MAO) che possono aumentare la probabilità di una sindrome serotoninergica fatale se assunti insieme a una comune classe di antidepressivi (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina [SSRI]). Consulta sempre un operatore sanitario per valutare i potenziali rischi e le controindicazioni.
  3. Mancanza di preparazione: Come il lavoro olotropico, un ritiro psichedelico può essere intenso e impegnativo. Un'adeguata preparazione, compresa la preparazione mentale ed emotiva, è essenziale per garantire un'esperienza positiva e sicura. Ciò che spesso viene trascurato è la costruzione della fiducia e della sicurezza all'interno del gruppo e con i facilitatori e le guide già prima dell'incontro in loco: gli altri partecipanti sono elementi essenziali del contenitore e ogni viaggio psichedelico può realizzare il suo pieno potenziale solo se ogni partecipante si sente totalmente al sicuro e rispettato nei suoi confini e se riesce a sviluppare fiducia nel gruppo, nei facilitatori e nel processo complessivo. All'Evolute Institute, pertanto, organizziamo diverse sessioni virtuali di preparazione del gruppo nelle settimane precedenti il ritiro in loco e, nel programma EvoLEAD, anche diverse sessioni 1:1 prima, durante e dopo l'esperienza del ritiro. Per orientarti, abbiamo anche pubblicato un articolo su come scegliere un ritiro psichedelico che risponda ai tuoi valori e alle tue convinzioni personali.
 

La sinergia del Breathwork e degli psichedelici: L'approccio Evolute Institute

Sebbene il lavoro respiratorio e gli psichedelici offrano percorsi potenti ma diversi per la trasformazione personale e la guarigione, possono anche completarsi a vicenda in modo profondo. L'Evolute Institute, ad esempio, riconosce la potenziale sinergia tra queste due modalità e le combina nei suoi ritiri psichedelici legali in Olanda.

Iniziando con una sessione di lavoro sul respiro il primo giorno del ritiro, i partecipanti possono entrare in uno stato di maggiore consapevolezza che permette loro di accedere a strati più profondi della loro mente subconscia. Questa esplorazione senza sostanze dei nostri strati più profondi può essere una preparazione preziosa per migliorare l'effetto e la sicurezza della successiva cerimonia psichedelica del secondo giorno, portando potenzialmente a un'esperienza ancora più profonda e trasformativa. Inoltre, la risposta di ciascun partecipante alla sessione di respirazione (ad esempio l'emergere di determinate reazioni fisiche o emotive, il grado di resistenza, ecc.), la sua sensibilità alle esperienze di stati alterati, fornisce ulteriori dati sul dosaggio individuale raccomandato dei tartufi contenenti psilocibina legale per il secondo giorno del ritiro.

Noi di Evolute Institute sconsigliamo di praticare la respirazione olotropica durante l'assunzione di psichedelici. Sebbene non vi siano prove mediche in merito, l'uso parallelo di entrambe le tecniche può essere travolgente per molte persone e causare inutilmente esperienze difficili. Combinare queste tecniche allo stesso tempo dovrebbe essere fatto solo da psiconauti molto esperti che conoscono bene il breathwork e i viaggi psichedelici.

Ma anche al di fuori del contesto del ritiro in loco, le pratiche di respirazione possono essere uno strumento meraviglioso per integrare l'esperienza psichedelica e rafforzare gli effetti benefici a lungo termine della sessione psichedelica. Il lavoro di respirazione può aiutare a ricollegare e ravvivare i ricordi dell'esperienza psichedelica. Può aiutarci ad approfondire l'esplorazione di alcuni argomenti che non abbiamo potuto indagare in modo esaustivo durante il nostro viaggio psichedelico.   

In sintesi, sia il lavoro di respirazione che gli psichedelici possono essere strumenti estremamente potenti per iniziare e approfondire il nostro viaggio interiore. Entrambi devono essere utilizzati con grande attenzione e solo nel contesto giusto. Lo screening medico, la preparazione, la guida esperta e l'integrazione sono fondamentali per un'esperienza sicura ed efficace. La combinazione del lavoro sul respiro e degli psichedelici può fornire un approccio olistico alla crescita e alla guarigione personale, affrontando le dimensioni emotive, psicologiche e spirituali del benessere di un individuo. Permette ai partecipanti di esplorare i loro paesaggi interiori con maggiore profondità e intuizione, favorendo cambiamenti positivi e duraturi nella loro vita.

 

Conclusione

Il lavoro sul respiro e gli psichedelici, ciascuno nel proprio ambito, offrono potenti strumenti per la scoperta di sé, la guarigione e la trasformazione personale. Entrambe le modalità hanno punti di forza e considerazioni uniche, che le rendono adatte a individui e circostanze diverse. 

L'approccio innovativo dell'Evolute Institute, che combina il lavoro sul respiro e gli psichedelici in giorni separati in un ambiente di ritiro strutturato e con un programma di studio basato sulla scienza, esemplifica come queste modalità possano completarsi a vicenda, portando a esperienze potenzialmente profonde e in grado di cambiare la vita. In definitiva, la scelta tra il lavoro sul respiro e gli psichedelici - o l'integrazione di entrambi - dipende dalle esigenze individuali, dalle preferenze e dalla guida di professionisti qualificati. Il viaggio all'interno di sé è personale e questi strumenti possono servire da guida nel percorso di auto-scoperta e trasformazione. 

Ti ricordiamo che non forniamo consigli medici e che devi sempre chiedere l'assistenza di un medico prima di prendere qualsiasi decisione sul consumo di psichedelici.

Dimi_quadro_piccolo

Dr. Dmitrij Achelrod,

co-fondatore dell'Evolute Institute

Un programma Evolute Institute è adatto al tuo percorso di crescita personale?

Ti invitiamo a fissare una telefonata con noi. Insieme potremo approfondire tutte le domande o i dubbi che potresti avere. Possiamo valutare se questo programma è adatto a te in questo momento e assicurarci che tu ti senta sicuro e pronto ad abbracciare questa esperienza trasformativa.

"Siamo qui per sostenere la tua esplorazione, al tuo ritmo, senza aspettative".

- Dmitrij Achelrod

 

 

Chi conosci Chi altro potrebbe essere interessato a questo post?
Condividi via
Iscriviti alla newsletter di insights
Al massimo una volta ogni 2 settimane.
Una lampadina che rappresenta le intuizioni del blog
Una lampadina che rappresenta le intuizioni del blog

Fai progredire la tua ricerca di crescita e di miglioramento del benessere

Iscriviti alla conferenza in diretta dell'esperto Evolute

Idee innovative di pensatori di spicco in conversazione con i nostri ospiti di Evolute. Ottieni spunti unici per il tuo percorso di crescita personale, professionale e spirituale. Gratis. 

Iscrivendoti accetti di ricevere comunicazioni da Evolute Institute. I tuoi dati non saranno condivisi con terze parti.

"Quando lascio andare ciò che sono, Divento ciò che potrei essere".

- Lao-Tzu

Ricevi approfondimenti e aggiornamenti sugli eventi da Evolute Institute